Ordine di trasferimento

Obbligo formale di un richiedente protezione internazionale di lasciare uno Stato membro e recarsi – entro un determinato periodo – presso lo Stato membro ritenuto responsabile per esaminare la sua domanda di protezione internazionale.

Operazione di ricerca e soccorso

In termini generali, operazione che ha lo scopo di prestare assistenza alle persone in pericolo in mare, indipendentemente dalla nazionalità o dalla situazione giuridica delle stesse o dalle circostanze in cui tali persone si trovano in conformità con la legge e le convenzioni marittime applicabili.
Nel contesto dell’Unione Europea, operazione degli Stati membri dell’Unione per prestare assistenza a qualsiasi nave o persona in pericolo in mare, indipendentemente dalla nazionalità o dalla situazione giuridica di tale persona o dalle circostanze in cui tale persona si trova in conformità con il diritto internazionale e nel rispetto dei diritti umani fondamentali.

Operazione di rimpatrio

Operazione coordinata dall’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex), che implichi un rinforzo tecnico e operativo fornito da uno o più Stati membri dell’Unione, nell’ambito della quale i rimpatriandi provenienti da uno o più Stati membri sono rimpatriati o in modo forzato o su base volontaria.

Overstayer

In termini generali, persona che rimane in un paese al di là del periodo per il quale le è stato concesso l’ingresso.
Nel contesto dell’Unione Europea, persona che è entrata regolarmente e si è poi trattenuta in uno Stato membro al di là del periodo permesso per restarvi senza bisogno di un visto (in genere novanta giorni o sei mesi), o al di là della scadenza del visto e/o del permesso di soggiorno.

Obbligo di collaborazione

Obbligo imposto dagli Stati membri ai richiedenti protezione internazionale di collaborare con le autorità competenti nella misura in cui risulti necessario per l’esame della domanda.